Skip to main content

Il protagonista: Gabriele Belsito, da marzo 2019 HR Director Europe-Italy in Autogrill.

L’azienda: Autogrill è il principale fornitore mondiale di servizi di ristorazione per i viaggiatori, presente in 31 paesi con oltre 60.000 dipendenti.

La best practice: Talent acquisition in ambito retail.

La vostra sfida oggi è trovare le persone.

«Per noi è da sempre una sfida e un problema, dato che con la stagione estiva abbiamo picchi di assunzioni di stagionali. Ora è anche più complesso, perché come leggiamo sui giornali il settore della ristorazione fatica ad attrarre persone. Per questo abbiamo lavorato a un piano che si snoda su quattro punti principali: team HR, employer branding, convenzioni e inter-occupabilità».

Partiamo dal primo: team e pratiche HR.

«Abbiamo costruito un team di recruitment centrale per dare solidità, organizzazione e indicazioni chiare sul territorio, che è dove avvengono i colloqui. Abbiamo cioè reso in grado le persone sul territorio di lavorare al meglio nella selezione, gestendo a livello centrale la ricerca di candidati, lo screening dei CV e anche le agende degli appuntamenti».

Avete avuto bisogno di costruire interesse attorno all’azienda?

«Abbiamo attivato il rumore di fondo, l’attività di employer branding che è fondamentale. Ci aiuta a comunicare che tipo di datore di lavoro siamo. Oltre a questo, abbiamo portato avanti un programma di orientamento nelle scuole, “Assapora il futuro”, incontrando oltre 2.500 studenti».

Cosa raccontate?

«Spieghiamo che noi non offriamo solo un lavoro, ma anche un’esperienza professionale a persone ancora senza esperienza».

Una rarità! Sempre in tema di attraction, cosa avete fatto con l’Esercito Italiano?

«Una convenzione, perché i ragazzi che escono dal periodo di ferma di 4 anni devono ricollocarsi e noi li invitiamo a venire da noi con un contratto stagionale di 6 mesi. Dopo, se questo è il lavoro per loro, li aiutiamo a crescere: siamo la prima grande azienda italiana che ha costruito una cosa del genere».

Ultimo tassello della strategia di recruiting è l'inter-occupabilità.

«Cerchiamo aziende che impiegano in modo temporale, come noi, ma in altri periodi dell’anno, per garantire un impiego stabile alle persone. Il primo accordo lo abbiamo chiuso con Camst, azienda di ristorazione attiva nelle mense. Abbiamo offerto lavoro da noi a chi è occupato nelle mense scolastiche e, quindi, da giugno è libero».