Skip to main content

My gut is that most conspiracy theorists have never been project managers. Their optimism is adorable

Alcuni anni fa spopolava in rete questo tweet che ironizzava sulle difficoltà relative alla gestione efficace di un progetto, in cui siamo chiamati a convincere delle persone a fare ciò che dovrebbero, in tempo, senza lamentarsene.

Per molti una missione quasi impossibile!

A chiunque si sia ritrovato anche per soli 5 minuti a lavorare con dei colleghi su un progetto è chiaro che collaborare in modo efficiente è una cosa intrinsecamente complessa. Le differenze personali, l’ambiente di lavoro, lo status, il ruolo… rappresentano alcune delle insidie che impediscono il raggiungimento di risultati ottimali. Tant’è che secondo Harvard Business Review solo il 35% dei progetti viene completato senza spreco di tempo, soldi ed energie.

In questo scenario emerge una figura in grado di condurre i team ai traguardi desiderati: il Facilitatore Trasformativo.

Questa figura pianifica, sviluppa e conduce degli incontri strutturati ed efficaci che producono risultati chiari, condivisi e supportati dai partecipanti. È un Servant Leader a disposizione del team, che promuove l’autonomia delle persone e responsabilizza all’azione. Si fa carico del processo di lavoro e abilita le persone alla presa di decisione, favorendo un ambiente motivato, stimolante e teso al miglioramento.

Sono tre i pilastri della Transformative Facilitation.

  • Contribute– Stimoliamo le diverse prospettive, idee, skills delle persone.
  • Connect– Mettiamo in connessione le persone tra loro e con il purpose del progetto.
  • Equity– Promuoviamo una cultura equa e del rispetto reciproco.

Nei progetti con le aziende in RADICAL HR agiamo secondo questi pilastri, fungendo da abilitatori ai processi di trasformazione aziendale. Progettiamo e sviluppiamo in modo empatico, coinvolgendo attivamente i team di HR durante tutte le fasi del percorso, in cui forniamo stimoli e rendiamo concreto il cambiamento organizzativo.

In questo modo gli stessi HR diventano dei facilitatori nelle proprie aziende, promuovendo la People Transformation come base dei piani strategici aziendali.